“Unicredit” è uno dei più grandi gruppi di credito italiano che offre servizi finanziari e bancari in vari paesi europei. Il membro della Camera di Commercio Italo Lituana, “UniCredit Leasing”, è presente a Vilnius da 7 anni. Come ogni anno, l’azienda ha dimostrato ottimi risultati durante quest’anno. “UniCredit” ha completato l’anno scorso con il suo record di sviluppo: il mercato è cresciuto del 40%, mentre la società è cresciuta del 60%. Con questa intervista a Laimonas Belickas, il direttore generale di UniCredit Leasing in Lituania, Vi invitiamo a conoscere la storia della costituzione di “UniCredit Leasing” in Lituania, le attività dell’azienda e le caratteristiche del leasing.

 –Laimonas, potrebbe dirci qual’è la storia dell’origine di “UniCredit Leasing” in Lituania?

Per il gruppo delle aziende “UniCredit” siamo geograficamente il punto più settentrionale. Innanzitutto, “UniCredit” ha iniziato a offrire servizi di leasing in Lettonia e in Estonia ma dopo un breve periodo è arrivata anche in Lituania perché il potenziale per le imprese era evidente. L’arrivo della società italiana UniCredit Leasing in Lituania può essere considerato un passo importante per stabilire una relazione bilaterale. Nel settore dei servizi finanziari le imprese scandinave dominano in Lituania mentre in Europa meridionale e centrale hanno possibilità limitate di fornire i servizi. “UniCredit” è il più grande partecipante nel mercato in questa parte d’Europa. Quindi, per i clienti in Lituania “UniCredit Leasing” è un accesso all’Europa centrale, orientale e meridionale mentre per i clienti italiani, dell’Europa centrale e occidentale, è un tramite per venire in Lituania.

-Lei è il leader di una grande azienda in Lituania. Potrebbe rivelare quali funzioni dovrebbe avere un manager per guidare una grande impresa?

Vorrei rispondere a questa domanda sulla base della mia esperienza. Nella mia attività credo che bisogna essere in grado di delegare e non avere paura di osare. E tutta una questione di fiducia. Quando delego ad un collega un settore specifico, lui sviluppa le sue competenze e si sforza di fare i suoi compiti al meglio. Questo processo “da uno all’altro” è molto coinvolgente e può aiutare a migliorare. Mentre l‘azienda è ancora in crescita, non è possibile prevedere tutto. Secondo me, questa è la base della crescita: cominciare a fare le cose, capirne il processo o l’azione e successivamente diventa possibile delegare tutto e fidarsi degli altri. Grazie a questo modo d’agire la nostra azienda sta crescendo.

-La cultura del lavoro di un’azienda di origine italiana in Lituania è italiana?

Se chiedete ai dipendenti come si sentono o se sono in qualche modo vincolati, risponderanno che stanno lavorando liberamente. Questo può avere qualche aspetto negativo se ci si aspetta chiare istruzioni ma la libertà nella nostra azienda ci permette di sviluppare un ambiente creativo. Parlando nello specifico, credo che non sia più importante creare una cultura italiana o lituana ma quella in cui tutti siano importanti, ascoltati e ricevano un feedback. Tutto questo è collegato con una grande responsabilità: se hai creato qualcosa di bello sei visibile, ma lo sarai anche se non hai creato niente di importante. Quindi devi sempre andare avanti, essere attivo e cercare i modi innovativi per fare le cose. L’innovazione ha un ruolo molto importante nella nostra cultura. In Lituania siamo l’unica azienda specializzata nel leasing quindi ritengo che il nostro “know – how” ci dia l’opportunità di innovare il classico prodotto di leasing.

-Lei ha menzionato l‘innovazione nel leasing. Quanto è rilevante per i clienti?

Il leasing non è importante solo per le automobili o per i camion. Un terzo dei contratti di “UniCredit Leasing” in Lituania sono attualmente fatti con finanziamento per l’acquisto di diverse attrezzature. Stiamo parlando di telai, svariate apparecchiature di produzione, impianti energetici come impianti solari termodinamici, impianti di energia eolica, attrezzature agricole ecc. Cerchiamo di espandere questo segmento e offrire varie soluzioni. Per esempio, il servizio di noleggio si è rivelato come un’opportunità per concentrare l‘attenzione sull’attività diretta: la proprietà viene pagata con un pagamento periodico e la società di leasing si occupa del servizio di garanzia e vendita. Per quanto riguarda l’innovazione, credo che le innovazioni cambino il concetto di leasing, permettano di avere un buon rapporto con i clienti, rispondere alle loro esigenze “qui e ora” e finalmente integrino il servizio di leasing con la vita quotidiana. Credo che il futuro del leasing sia quello di permettere al cliente di stare per strada, vedere l’auto che gli piace, fare la foto e tramite l‘ azienda di leasing scoprire quanto costerebbe comprarla, ricevere delle informazioni dagli esperti e così via.

-Parlando dell’acquisto di un’auto con leasing, il processo è lo stesso di qualche anno fa?

Se abbiamo bisogno di un’auto, è normale pensare se conviene comprarla o prenderla in prestito. Il leasing moderno sta gradualmente cambiando questo atteggiamento e quando una persona pensa ad un‘auto pensa semplicemente ad utilizzarla per solo un mese. Questa idea è spiegata dalla tendenza crescente: non c’è bisogno di pagare tutto il prezzo dell’auto. Ad esempio, quando un acquirente paga metà del prezzo dell’auto, l’auto viene restituita all’impresa di leasing e successivamente viene acquistata un’altra auto e così via. Noi di “UniCredit Leasing” gli acquirenti li troviamo in anticipo per un’auto che viene restituita quindi il cliente di leasing non ha bisogno di pensare a come vendere l’auto o di come sbarazzarsene. Tutto è immediatamente concordato e tutto è previsto nel contratto.

-Quali clienti la visitano più spesso? Ricorda qualche suo acquisto fatto con il leasing?

In questo momento i clienti che ci visitano più spesso sono quelli del business. Per realizzare i grandi progetti si doveva andare in banca ma adesso la possibilità di prendere le cose in leasing è considerata molto spesso. Il leasing è valorizzato per la sua flessibilità. Non è necessario congelare il capitale circolante, i metodi per liquidare i beni e opzioni di gestione dei rischi sono anche attraenti. Le piccole e medie imprese cercano anche l’opportunità di sfruttare le possibilità di leasing per ingrandirsi e per la creazione di valore. Quest’anno abbiamo deciso di partecipare attivamente al settore privato. Siamo felici di poterne già apprezzare il risultato. Il numero di contratti e l’importo del finanziamento in questo segmento sono in aumento. Quando si tratta di acquisti interessanti, ogni anno è necessario finanziare alcune attività non standard. Ad esempio, ricordo che abbiamo finanziato 10 aeroplani che sono stati comprati da un cliente di un‘ impresa italiana “Tecnam” che si trova in una città vicino a Napoli, a Capua.

-C‘è qualcosa di specifico quando si lavora con una marca italiana?

Secondo noi, la marca italiana non fornisce solo il pragmatismo e solidità. La marca italiana è legata ai piaceri della vita, della creatività e della bellezza.

-Come descriverebbe la propria Italia?

Abbiamo scoperto che l’Italia è un paese molto eterogeneo e molto diversificato. Se parliamo di stereotipi, molte persone immaginano gli italiani come la gente che parla ad alta voce, indecisa ma l’Italia settentrionale e centrale sorprende con la sua capacità  e serietà grazie alle tradizioni dell’industria. Stiamo cercando di introdurre queste possibilità dell’Italia e il serio approccio italiano alla Lituania. La maggior parte di questo lavoro è fatta con l’aiuto della Camera di Commercio Italo Lituana.

Per sapere di più sulle attività di “UniCredit” potete visitare la sede in Lituania di “UniCredit Leasing”: Konstitucijos pr. 29, I piano, Vilnius.

Sito web: https://www.unicredit.lt